fbpx

Home Restaurant Hotel dà il benvenuto a Matteo e al suo Home Restaurant Delta Pizza Mood!

Raccontaci qualcosa di te e del tuo home restaurant: perché hai scelto di intraprendere questa attività?

Ho scelto di intraprendere questa attività perché lavoravo già in questo mondo. Nell’ultimo anno ho iniziato a studiare marketing ed ho portato avanti un profilo Instagram con le mie creazioni. Si è creata intorno una bella community: dispongo di una cucina ben attrezzata e competenze multiple nel settore, per questo motivo ho deciso di avviare un progetto così importante, come mio traguardo personale.

 

 

 

Caratteristiche della tua cucina?

Tendo a non farla mai sembrare la stessa, anche a distanza di una singola settimana vario sempre qualcosa: impasti nuovi, nuove forme e cotture caratterizzano l’unicità del mio prodotto!

 

 

 

Un piatto caratteristico che un cliente di fuori deve necessariamente assaggiare per comprendere a pieno la tua cucina?

Pi-Taco un taco fatto con impasto di pinsa romana al mais. Si abbina alla perfezione con: provola affumicata della Sila, pico de gallo di pomodorini, ananas, cipolla rossa di Tropea e succo di bergamotto, salmone selvaggio affumicato. Un piatto che rappresenta a mio avviso la sperimentazione massima sulla pizza.

 

 

Cosa ne pensi del km0 e della cucina tipica locale?

Tendo principalmente ad utilizzare prodotti a Km0 o a creare una fusion tra il Km0 ed ingredienti di altre culture culinarie.

 

 

 

 

 

 

Una riflessione sul ruolo degli home restaurant nel sistema turistico italiano. Quali sono le criticità e le potenzialità?

Credo di saperne ancora troppo poco per poterne parlare!

 

 

 

Parliamo di social media: quali sono i risultati in termini di immagine e di redditività che possono portare i vari social media? Se hai un profilo con la tua attività: gestisci direttamente l’account e quanto tempo richiede la gestione di questa attività social?

Io lavoro con i social su diversi profili occupandomi anche di marketing per passione quindi ci passo molte ore. Gestisco io l’account in prima persona occupandomi del contenuto, affiancato da un amico copywriter, che mi aiuta per “dar forma” ai miei pensieri.

 

 

Se oggi avessi la possibilità di regolamentare l’attività di home restaurant, come struttureresti le varie questioni fiscali, di agibilità dell’immobile e quelle igienico-sanitarie?

Hccp e Sab obbligatori come per i ristoranti classici. Agibilità dell’immobile invariata, è pur sempre una casa! Dal punto di vista fiscale: possibilità di avere una partita iva e di poter così scaricare i costi delle materie prime ed acquistare come azienda.

 

 

 

 

 

 

 

Molti sostengono che gli home restaurant possono rappresentare una concorrenza sleale nei confronti dei ristoranti, cosa ne pensi? Descrivici le principali differenze tra un ristorante ed un home restaurant.

Non credo siano paragonabili, almeno dal mio punto di vista… faccio un esempio, in una sera posso ospitare massimo 8 persone o nel caso di un futuro cucina e consegna fare una ventina di pizze al massimo. Una pizzeria vera e propria con questi numeri fallirebbe il giorno dopo questo perché io non conto di fare grossi numeri ma piuttosto di offrire un’esperienza alternativa che le vere attività non offrono.

 

 

 

Per te questa attività cosa rappresenta? Una passione, una fonte di guadagno primaria, un secondo reddito…

Una passione ed una fonte di reddito che vorrei rendere primaria quando ci saranno regolamentazioni più precise sulla p.iva

 

 

 

Consigli per chi vuole avviare un’attività di home restaurant?

Non abbiate troppi timori.

 

Se potessi avviare un’attività di b&b collegata al tuo home restaurant lo faresti?

Non dispongo degli spazi adeguati

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi provare l’Home Restaurant Delta Pizza Mood?

Scopri di più!