fbpx

Home Restaurant Hotel dà il benvenuto a Massimo e al suo Home Restaurant Co&Co Garden!

 

Raccontaci qualcosa di te e del tuo home restaurant: perché hai scelto di intraprendere questa attività?

Siamo i coniugi Anna e Massimo, da molto tempo condividiamo la passione comune per la cucina, il buon cibo ed accogliamo di sovente, parenti ed amici in casa nostra. Crediamo molto nella valorizzazione dei nostri prodotti locali e di conseguenza ci adoperiamo per utilizzarli al meglio nelle nostre ricette.

 

Caratteristiche della tua cucina?

La nostra è una cucina che rispetta le tradizioni della nostra terra: che si tratti di un menu a base di pesce o di carne, si parte sempre dalla materia prima di ottima qualità.

 

 

Un piatto caratteristico che un cliente di fuori deve necessariamente assaggiare per comprendere a pieno la tua cucina?

Coniglio alla Max, insalata di Polpo, Pastiera di Anna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa ne pensi del km0 e della cucina tipica locale?

E’ il principio fondamentale su cui si basa il social eating.

 

 

 

 

Una riflessione sul ruolo degli home restaurant nel sistema turistico italiano. Quali sono le criticità e le potenzialità?

Come criticità, ammetto con dispiacere, che una seria regolamentazione per l’attività di Home Restaurant, ancora non è stata presa adeguatamente in considerazione. Ospitare in casa propria, vuol dire non solo essere aperti culturalmente ma condividere il gusto per il buon cibo e allo stesso tempo socializzare.

 

 

 

 

 

Parliamo di social media: quali sono i risultati in termini di immagine e di redditività che possono portare i vari social media? Se hai un profilo con la tua attività: gestisci direttamente l’account e quanto tempo richiede la gestione di questa attività social?

Sono un grandissimo aiuto per promuovere l’attività dell’home restaurant. Essendo tutti noi socialmente emancipati, ci viene quasi naturale farci conoscere e di conseguenza non è cosi dispendioso gestire l’attività tramite un profilo.

 

 

 

Se oggi avessi la possibilità di regolamentare l’attività di home restaurant, come struttureresti le varie questioni fiscali, di agibilità dell’immobile e quelle igienico-sanitarie?

Premettendo che non abbiamo nessuna preparazione in materia, potremmo pensare di proporre regolamentazioni semplici che possano eseguite e rispettate da chiunque voglia intraprendere questa attività.

 

 

 

 

 

 

Molti sostengono che gli home restaurant possono rappresentare una concorrenza sleale nei confronti dei ristoranti, cosa ne pensi? Descrivici le principali differenze tra un ristorante ed un home restaurant.

Non è affatto vero: innanzitutto quella dell’home restaurant è una cucina casalinga, semplice, è legata strettamente alle tradizioni di famiglia, si propone per l’appunto la convivialità e l’appartenenza ad un nucleo familiare anche se di adozione e momentaneo. L’attività di home restaurant è da considerarsi lavoro occasionale, collegato ad un terzo dei giorni della settimana.

 

 

 

Per te questa attività cosa rappresenta? Una passione, una fonte di guadagno primaria, un secondo reddito…

Partendo dal presupposto che senza essere appassionati di cucina, non si hanno le basi per aprire un Home Restaurant o qualsiasi altro tipo di ristorazione. Và da se che ricevere in casa, non può considerarsi un reddito primario, il guadagno che si ottiene; piuttosto può essere in aggiunta un piccolo accompagnamento economico.

 

 

 

 

Consigli per chi vuole avviare un’attività di home restaurant?

E’ un’esperienza per chi ama ricevere e far conoscere le proprie doti culinarie e i prodotti del territorio. Provare per credere!

 

 

Se potessi avviare un’attività di b&b collegata al tuo home restaurant lo faresti?

Avendo la possibilità, lo farei per poter coccolare i cliente dalla colazione fino alla cena.

 

 

Vuoi provare l’Home Restaurant Co&Co Garden?

Scopri di più!

 

 

 

Author: Maria Grazia Sabione

info