fbpx

Home Restaurant Hotel dà il benvenuto a Daniel e al suo Home Restaurant Sa butega de tzia Domantiglia!

 

Raccontaci qualcosa di te e del tuo home restaurant: perché hai scelto di intraprendere questa attività?

L’home restaurant in cui svolgerò l’attività, è casa di miei Nonni: una dimora del IXX secolo situata nel centro storico del paese, dove si potrà cogliere appieno la realtà delle comunità agricole del campidano di Oristano del primo 1900, in un ambiente accogliente e rievocativo, la grande particolarità è data dalla bottega di mia Nonna, Domantiglia, ancora intatta. Quindi per me ridare vita ad una cosa che è stata l’attività dei miei nonni non può che essere un orgoglio.

 

 

 

Caratteristiche della tua cucina?

Si tratta di una cucina tipica campidanese, con ingredienti a Km0 prodotti fatti in casa.

 

 

 

 

 

Un piatto caratteristico che un cliente di fuori deve necessariamente assaggiare per comprendere a pieno la tua cucina?

Il pane fatto in casa, con la ricetta tradizionale del paese, utilizzando materie prime locali, è sicuramente una delle caratteristiche più importanti.

 

 

 

 

Cosa ne pensi del km0 e della cucina tipica locale?

Sono proprio i prodotti che utilizziamo in cucina.

 

 

 

 

Una riflessione sul ruolo degli home restaurant nel sistema turistico italiano. Quali sono le criticità e le potenzialità?

Ancora non saprei individuare le criticità. Attualmente mi sembra una buona possibilità, piena di potenzialità.

 

 

 

 

Parliamo di social media: quali sono i risultati in termini di immagine e di redditività che possono portare i vari social media? Se hai un profilo con la tua attività: gestisci direttamente l’account e quanto tempo richiede la gestione di questa attività social?

Penso che i social media ormai siano molto importanti. Attualmente ho aperto solo una pagina Instagram (seguirà a breve anche l’apertura di una pagina Facebook) che gestisco da solo, si tratta di un’attività molto impegnativa.

 

 

 

 

Se oggi avessi la possibilità di regolamentare l’attività di home restaurant, come struttureresti le varie questioni fiscali, di agibilità dell’immobile e quelle igienico-sanitarie?

Ancora non saprei perché mi sto affacciando ora su questo mondo.

 

 

 

Molti sostengono che gli home restaurant possono rappresentare una concorrenza sleale nei confronti dei ristoranti, cosa ne pensi? Descrivici le principali differenze tra un ristorante ed un home restaurant.

Non credo si possa trattare di concorrenza. Se mangio in un home restaurant non cercherò senza dubbio il servizio che posso trovare invece in un ristorante. Sono due esperienze differenti.

 

 

 

 

Per te questa attività cosa rappresenta? Una passione, una fonte di guadagno primaria, un secondo reddito…

Questa attività rappresenta per ora una passione, la realizzazione di qualcosa programmata da tanti anni. La speranza è che possa diventare nel tempo anche una fonte di reddito.

 

Consigli per chi vuole avviare un’attività di home restaurant?

Penso che possa essere molto utile, a livello economico ma anche culturale, per ampliare la propria cerchia di conoscenze, far conoscere la cucina tipica del proprio paese.

 

 

 

Se potessi avviare un’attività di b&b collegata al tuo home restaurant lo faresti?

Sì, assolutamente.

 

 

 

 

 

Vuoi provare l’Home Restaurant Sa butega de tzia Domantiglia?

Scopri di più!

 

 

Author: Maria Grazia Sabione

info