fbpx

Home Restaurant Hotel dà il benvenuto a Maria Teresa e al suo Home Restaurant Il casale di San Gaetano!

 

Raccontaci qualcosa di te e del tuo home restaurant: perché hai scelto di intraprendere questa attività?

Quando ho ereditato questo antico casale di campagna dove è annessa la chiesa campestre di San Gaetano da Thiene, non avrei mai immaginato che soggiornarvi mi avrebbe dato una così grande sensazione di benessere, è circondato da piante di agrumi, di albicocche, di ciliegie, da piante di more e da un secolare uliveto, un mix di profumi e di sensazioni piacevoli, i miei amici adorano venire a trovarmi e adorano la mia cucina!

 

 

Caratteristiche della tua cucina?

Mi piace cucinare i piatti della tradizione campidanese, mi piace acquistare dagli orti che abbiamo intorno quando non abbiamo noi il prodotto, mio marito Gino è infatti un coltivatore diretto in pensione ma chi ama la terra in pensione non ci va mai! Quando poi non è impegnato nella potatura delle piante si dedica agli arrosti: è un vero maestro!

 

 

Un piatto caratteristico che un cliente di fuori deve necessariamente assaggiare per comprendere a pieno la tua cucina?

Mi piace avere sempre le mani in pasta: creo da me le basi per le paste tipiche! I malloreddus alla campidanese (sugo salsiccia), oppure la fregola con le arselle, oppure ancora i ravioli di ricotta e spinaci con il maialetto arrosto sono tutti piatti tipici della cucina sarda della mia cucina.

 

 

 

 

 

 

 

Cosa ne pensi del km0 e della cucina tipica locale?

Prediligo cucinare i prodotti del territorio: conosco, da moglie di agricoltore, che gli ortaggi conservati in frigo perdono il sapore,  per questo motivo amo ricercare i prodotti tra i miei vicini, quando non è possibile acquisto nei mercati di Campagna Amica che mi garantiscono un prodotto a Km0

 

 

Una riflessione sul ruolo degli home restaurant nel sistema turistico italiano. Quali sono le criticità e le potenzialità?

Non conoscevo questa formula l’ho trovata da subito molto interessante: aprire le porte delle proprie abitazioni! Meglio, se come nel mio caso, raccontano una storia. Offrire ospitalità significa condivide cultura “del cibo”.  La criticità è che ancora in Italia non vi è una legge.

 

 

 

Parliamo di social media: quali sono i risultati in termini di immagine e di redditività che possono portare i vari social media? Se hai un profilo con la tua attività: gestisci direttamente l’account e quanto tempo richiede la gestione di questa attività social?

Come detto sono moglie di un coltivatore diretto,  abbiamo perciò una pensione bassissima, che non ci permette di completare la ristrutturazione di questa grande struttura, spero che questa piccola attività ci permetta di guadagnare qualcosina per poter concludere i lavori.

 

 

 

 

 

Se oggi avessi la possibilità di regolamentare l’attività di home restaurant, come struttureresti le varie questioni fiscali, di agibilità dell’immobile e quelle igienico-sanitarie?

Per quanto riguarda le norme igienico-sanitarie credo si debbano rispettare quelle previste per la ristorazione mentre a livello fiscale dovrebbe essere regolata con un proprio codice Ateco e magari un regime fiscale agevolato trattandosi pur sempre di attività occasionali.

 

 

 

Molti sostengono che gli home restaurant possono rappresentare una concorrenza sleale nei confronti dei ristoranti, cosa ne pensi? Descrivici le principali differenze tra un ristorante ed un home restaurant.

Non credo che un’attività occasionale possa disturbare un ristorante: infatti se pensiamo che in un anno non dobbiamo superare un reddito di 5000 euro un ristorante tale reddito lo guadagna in una giornata lavorativa!

 

 

Per te questa attività cosa rappresenta? Una passione, una fonte di guadagno primaria, un secondo reddito…

Sicuramente mettere a frutto la mia passione principale: la cucina poi una piccola fonte di guadagno ma anche conoscere nuova persone trascorrere con loro una bella giornata, tutte cose che mi arrichiscono l’animo!

 

 

Consigli per chi vuole avviare un’attività di home restaurant?

Consiglio di rivolgersi a voi che per me siete stati illuminanti.

 

 

Se potessi avviare un’attività di b&b collegata al tuo home restaurant lo faresti?

Si spero di poter concludere la ristrutturazione del casale per poter ricavare due camere da una antica dependance adibita un tempo a “casa del contadino”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi provare l’Home Restaurant Il casale di San Gaetano?

Scopri di più!