fbpx

Home Restaurant Hotel da il Benvenuto a Cristina, nuovo iscritto alla nostra Community e titolare del Bed and Breakfast Ca’ di Ni

Ecco a voi la sua intervista… Buona Lettura!

 

Raccontaci la storia del tuo b&b: com’è nata l’idea di avviare questa attività?

 

Dopo 15 anni come dipendente in un albergo, la voglia di avere un’attività tutta mia era grande. E quando ho trovato questa struttura me ne sono subito innamorata.

 

Caratteristiche del tuo b&b?

 

Il nostro residence è una struttura diversa dalle altre perché situata in un palazzo storico all’interno di un borgo medievale.
Non appena si varca la soglia, sembra di entrare in un altro mondo, in un’altra epoca, in un contento decisamente meno tecnologico ma sicuramente pieno di fascino, dove potersi godere una vacanza al mare ma nella più totale tranquillità.

 

Pensi che l’attività di b&b rappresenti un ostacolo agli albergatori oppure sono semplicemente un’offerta turistica alternativa?

 

Secondo me sono un’offerta turistica alternativa.

 

Una riflessione sul ruolo dei b&b nel sistema turistico italiano. Quali sono le criticità e le potenzialità?

 

Le criticità sono dovute sicuramente a chi si improvvisa albergatore o operatore turistico. Questo lavoro sembra semplice, divertente e poco impegnativo. In realtà è tutto il contrario. Le leggi e gli adempimenti cambiamo spessissimo ed è un lavoro che impegna 24 ore su 24, perché bisogna sempre essere disponibili con i proprio ospiti, anche perché gli inconvenienti e i problemi sono all’ordine del giorno. Ovviamente bisogna garantire agli ospiti il miglior servizio possibile, ma farlo non è sempre così facile. I clienti sono diventati sempre più esigenti (anche perché a volte capita di trovare la fregatura ) e a volte non è facile capire cosa vogliono o cosa si aspettano.
Le potenzialità secondo me invece derivano dal legame con il nostro territorio. Viviamo in una della nazioni più belle del mondo e migliaia di turisti ogni anno vengono per visitare i nostri monumenti, le nostre città e cercano sempre di più di capire la nostra cultura, mangiando i nostri cibi e adattandosi alle nostre abitudini.

 

 

Immaginati di dover offrire un pacchetto turistico di 3 giorni ad un tuo cliente. Facendo riferimento alla posizione del tuo b&b: quali sono le attività principali del luogo? E quali sono i posti più belli da visitare?

 

Le attività principali potrebbero essere una giornata al mare con possibilità di immersioni, canoa, kajak e altre attività in acqua
trekking con guide specializzate. Sennò e-bike con tour nell’entroterra e sosta per assaporare olio e olive prodotte nella zona
mountain bike nei numerosi sentieri della zona con possibilità di guida specializzata.
I posti da visitare sono ad esempio il borgo medievale di Finalborgo con il Museo Archeologico, il complesso dei Chiostri di Santa Caterina, Castel San Giovanni e Castel Govone, Finalmarina e la sua passeggiata. Poi ancora Borgio Verezzi, sia la parte sul mare che il borgo storico, Varigotti e la baia dei saraceni, Noli ed il borgo medievale.

 

Parliamo di social media: quali sono i risultati in termini di immagine e di redditività che possono portare i vari social media? Se hai un profilo con la sua attività: gestisci direttamente l’account e quanto tempo richiede la gestione di questa attività social?

 

Oggi, i social media sono una delle maggiori fonti di visibilità per una struttura ricettiva o ristorativa. Gestisco direttamente tutte le pagine social della struttura. Non c’è un tempo specifico per la gestione, a volte bastano 5 minuti e a volte anche un paio d’ore.

 

Sono ancora pochi i b&b italiani presenti sui social media. Come ti spieghi questa situazione e cosa consiglieresti ai colleghi che gestiscono piccole strutture?

 

Di non spendere i propri soldi in pubblicità o portali costosi con fee di ingresso che purtroppo non danno riscontro. Prendetevi 10 minuti al giorno e postate una foto sui social, il risultato vi sarà visibile in pochissimo tempo, senza spendere un centesimo.

 

Consigli per chi vuole avviare un’attività di b&b?

 

Per aprire un’attività di B&B bisogna capire se si hanno almeno queste tre caratteristiche: pazienza, disponibilità e saperci fare con le persone. Il sorriso e l’educazione sono due elementi fondamentali per una buona riuscita dell’attività.

 

Se potessi avviare un’attività di home restaurant collegata al tuo b&b lo faresti?

 

Noi abbiamo già una parte ristorativa collegata al nostro residence. Disponiamo di un ampio giardino e di sale interne dove organizziamo aperitivi ed apericena, cene a tema, compleanni, matrimoni e ogni tipo di evento, dalle mostre d’arte ai meeting aziendali. I nostri clienti possono ordinare una cena e gustarla nell’appartamento o nei nostri spazi comuni.

 

 

Grazie Cristina per l’intervista! Complimenti per il progetto e buon lavoro!

 

Vuoi visitare l’incantevole struttura del Bed and Breakfast Ca’ di Ni? Clicca QUI e scopri il suo  annuncio!

 

 

home restaurant hotel

 

Vuoi restare aggiornato sulle ultime novità dal mondo del Social Eating? Segui Home Restaurant Hotel su Facebook!

 

Author: Supporto HRH