fbpx

Home Restaurant Hotel dà il benvenuto a Carmelina e al suo Home Restaurant The forest House Restaurant!

 

 

Raccontaci qualcosa di te e del tuo home restaurant: perché hai scelto di intraprendere questa attività?

Sono Carmelina da sempre appassionata di cucina autoctona, infatti l’amore per la mia terra mi ha spinta ad intraprendere questo percorso.

 

 

 

Caratteristiche della tua cucina?

Cucina prettamente autoctona che utilizza materie prime prodotte direttamente in fattoria o sul territorio pentro.

 

 

 

 

Un piatto caratteristico che un cliente di fuori deve necessariamente assaggiare per comprendere a pieno la tua cucina?

Tutti i piatti che propongo hanno una loro peculiarità ma il piatto  per eccellenza, molto povero ma ricco di sapori, è : “le pallotte cacio ed uova”, servite in uno scrigno di pane.

 

 

 

 

Cosa ne pensi del km0 e della cucina tipica locale?

Non posso che essere favorevole in quanto anche nella mia cucina il 90% dei prodotti sono a Km0.

 

 

 

Una riflessione sul ruolo degli home restaurant nel sistema turistico italiano. Quali sono le criticità e le potenzialità?

Prima di intraprendere questo percorso mi sono documentata sugli Home Restaurant e con mia grande sorpresa ho notato che una buona fetta di mercato nel mondo del turismo li preferisce ai ristoranti. Molto probabilmente la gente è stanca di mangiare piatti sofisticati e pertanto è alla ricerca di genuinità e semplicità, desidera star fuori dagli schemi di routine legati ai ristoranti preferendo gli home anche come ricerca di familiarità.

 

 

 

 

Parliamo di social media: quali sono i risultati in termini di immagine e di redditività che possono portare i vari social media? Se hai un profilo con la tua attività: gestisci direttamente l’account e quanto tempo richiede la gestione di questa attività social?

I social al momento ricoprono un ruolo molto importante se non primario: pubblicità a costo zero e tanta visibilità. Anche io ho un account che gestisco personalmente e fino a questo momento il tempo che impiego per amministrarlo non è tantissimo.

 

 

 

 

 

Se oggi avessi la possibilità di regolamentare l’attività di home restaurant, come struttureresti le varie questioni fiscali, di agibilità dell’immobile e quelle igienico-sanitarie?

Essendo appena entrata in questo mondo e non avendo alcuna esperienza in merito è molto difficile dare una risposta, comunque, a lume di naso, potrei dire che un minimo di regole igienico sanitario dovrebbero esserci soprattutto per ciò che riguarda la manipolazione degli alimenti (HCCP).

 

 

 

 

Molti sostengono che gli home restaurant possono rappresentare una concorrenza sleale nei confronti dei ristoranti, cosa ne pensi? Descrivici le principali differenze tra un ristorante ed un home restaurant.

Assolutamente non penso che gli home restaurant siano un ostacolo o facciano concorrenza sleale ai ristoranti: questi ultimi aprono sette giorni su sette con numeri, in fatto di posti a sedere, certamente maggiori rispetto ad un home restaurant.

 

 

 

 

 

 

 

Per te questa attività cosa rappresenta? Una passione, una fonte di guadagno primaria, un secondo reddito…

Come già scritto in precedenza la passione per la cucina e per la mia terra è stata la motivazione principale che mi ha spinto verso questo progetto; se unitamente alle mie passioni riesco anche guadagnare qualcosa ben venga.

 

 

 

 

Consigli per chi vuole avviare un’attività di home restaurant?

Non posso dare consigli in merito in quanto sto iniziando ora questa attività.

 

 

 

Se potessi avviare un’attività di b&b collegata al tuo home restaurant lo faresti?

Da quattro anni ho già un b&b nel luogo dove svolgerò l’attività di Home Restaurant. Il mio b&b si chiama “b&b The Forest House” .

 

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi provare l’Home Restaurant The forest House Restaurant?

Scopri di più!

 

 

 

Author: Maria Grazia Sabione

info