fbpx
Home restaurant Hotel

Aktar Islam, lo chef stellato indiano dalla storia incredibile

Chi è Aktar Islam, lo chef stellato laborioso ed altruista che rilegge la cultura indiana in modo innovativo: storia, intervista e progetti futuri.

Fonte Reporter Gourmet

La storia

Aktar Islam è uno degli chef più importanti del Regno Unito. Il suo ristorante Opheem è stato insignito di una stella Michelin per aver saputo innovare la cucina indiana tradizionale, e nel tempo ha anche fatto numerose apparizioni televisive in iconici programmi di cucina britannici, vincendone un paio; non solo: ora fornisce migliaia di pasti a coloro che ne hanno bisogno per combattere la povertà alimentare. Alla domanda da un milione di dollari –“Cosa ti spinge a fare questo?”- lo chef risponde così in una bellissima intervista di Squaremeal: “Sembra un po’ cupo a dirsi, ma spesso diamo per scontato che arriveremo alla fine della giornata. Viviamo in una parte del mondo dove non dobbiamo preoccuparci della sopravvivenza e dei beni di prima necessità, mentre in un’altra parte del mondo la gente si sveglia la mattina e non sa se riuscirà a pranzare. È un dovere morale sfruttare questa opportunità per diventare i migliori esseri umani possibili”.

Per capire da dove deriva questo atteggiamento altruista, dobbiamo partire dalle origini. Aktar è nato e cresciuto a Birmingham da due genitori del Bangladesh, venuti a vivere nel Regno Unito alla fine degli anni ’70. All’età di 13 anni, iniziò a lavorare presso il ristorante di suo padre, The Indian Palace a Solihull, e alla tenera età di 20 anni avrebbe dovuto rilevare l’azienda di famiglia. Per il padre, darsi da fare in cucina non era una questione di passione, ma di necessità. “Lavorava nel settore dell’ospitalità, ma era un settore che non aveva scelto. A cosa si dedicavano le persone appartenenti a minoranze etniche? Entravano nei ristoranti perché c’erano pochissime barriere, a differenza degli altri settori”. Nemmeno il viaggio di Aktar nel mondo dell’ospitalità è stato esattamente il sogno di una vita. La realtà è che non era convinto di voler lavorare nelle cucine: la passione è arrivata dopo. “Quando ero bambino, avrei mai immaginato di lavorare nell’ospitalità? No, no, no, no. Anche quando lo facevo da adolescente, non lo facevo perché pensavo: ‘Questo è ciò che amo e che voglio fare’. Era solo un’alternativa per non andare a scuola”. Ciò che nutriva, però, era “un amore per il cibo fin dalla tenera età”, instillato in gran parte da sua madre. “Cosa facevano le madri allora? Cucinavano. Soprattutto nelle famiglie dell’Asia meridionale; quindi, passavo molto tempo a spadellare con mia madre e mi divertiva.” Un anno dopo aver iniziato a dare una mano nel ristorante di suo padre, ancora adolescente, lasciò la scuola per lavorare in cucina a tempo pieno. Potrebbe sembrare una decisione discutibile, ma lo chef ricorda di esser stato un “adolescente ribelle”. “Semmai i miei genitori si sarebbero aspettati o avrebbero voluto di più per me”, ammette.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

aktar islam piatto

 

Con il senno di poi, la decisione di Aktar di abbandonare la scuola fu semplicemente una prima prova della sua natura testarda e della sua impavida capacità di rompere gli schemi. Sapeva quello che voleva e alla fine lo ha perseguito, nonostante tutto. La verità è che la cucina è “sempre un posto in cui mi sono trovato a mio agio”. Allora, come è passato dall’essere un “ragazzo del posto” che lavorava nella cucina di suo padre a una superstar della TV nazionale? Una risposta, un nome: Gordon Ramsay. Nel 2009, mentre era ancora capo chef del suo ristorante Lasan a Birmingham, Islam è stato invitato a competere nel programma The F Word, dove ha cucinato insieme ad alcuni dei migliori chef del Regno Unito. “L’esperienza mi ha cambiato la vita”. Non solo gli ha dato popolarità, ma si è ritrovato a totalizzare alcuni dei punteggi più alti dell’intera serie, tanto da riuscire ad aggiudicarsi il titolo in palio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

aktar islam sala

 

L’effetto che lo spettacolo ha avuto sulla sua carriera è innegabile. Aktar aveva talento, su questo non c’è dubbio, ma il suo carisma naturale è ciò che ha riscosso più successo tra il pubblico britannico. Dopo The F Word, Aktar ha partecipato a vari programmi come Great British Menu, MasterChef come giudice, The Professionals e Saturday Kitchen della BBC. Apparizioni televisive a parte, Aktar è meglio conosciuto per il suo ristorante indiano Opheem a Birmingham. Qui, utilizzando tecniche provenienti da tutto il mondo, crea piatti innovativi e unici. Nelle sue stesse parole: “Il cibo di Opheem è una celebrazione degli ingredienti britannici. È una celebrazione delle nostre stagioni. Ed è una celebrazione del patrimonio culinario del subcontinente indiano. Non si tratta di decostruire un curry. Si tratta di lavorare con gli ingredienti e poi unire influenze provenienti da varie parti dell’India, per mostrare infine la materia prima nella sua luce migliore.

 

Nel 2019, Opheem ha ricevuto uno dei più alti riconoscimenti che un ristorante possa ottenere: una stella Michelin. Questo gli è valso contemporaneamente il titolo di primo e unico ristorante indiano con stella Michelin fuori Londra, un premio che conserva ancora oggi. Certo, la carriera di Aktar non è stata priva di sfide. Lo chef ha aperto il suo ristorante argentino Pulperia poco prima del primo lockdown nel marzo 2020. Purtroppo, ha dovuto chiudere i battenti solo due anni dopo l’esordio. “È stato uno shock enorme. Per mesi abbiamo avuto il tutto esaurito: qualcosa come 180-200 persone al giorno. Avevamo anche appena ricevuto una tonnellata di carne e un sacco di vino. È stato semplicemente un incubo.” In precedenza, il suo raffinato ristorante italiano Legna era stato costretto a chiudere meno di un anno dopo l’apertura a causa di problemi finanziari. Ma appena una porta (o in questo caso due) si chiude, se ne apre un’altra. Come molti ristoratori durante la pandemia, Aktar ha iniziato l’attività di delivery. All’inizio era su piccola scala, vendeva solo 50 box, ma l’impresa è cresciuta con l’aumento della domanda. “È andato tutto esaurito in pochi secondi”, commenta Aktar sulla prima box di curry che abbia mai distribuito. “Ricevevamo qualcosa come quattro o cinquecento richieste a settimana. Quando siamo entrati nel secondo lockdown ho pensato: andiamo avanti”. Dunque, acquistò uno spazio di settemilacinquecento metri quadrati, installò una cucina e nacque ufficialmente Aktar at Home. Essere in grado di raggiungere un pubblico più ampio con il suo cibo è stato ovviamente uno dei motivi dell’espansione, ma c’era in gioco un’altra motivazione: “Si è rivelato essenziale per molti enti di beneficenza a Birmingham. In questo modo, abbiamo sostenuto molte mense per i poveri, come Let’s Feed Brum, così come i senzatetto e le famiglie in difficoltà.’

 

Aktar Islam piatto Stuart Manley

@Stuart Manley

Naturalmente, una grande espansione comporta rischi maggiori, ma Aktar Islam non sembra il tipo di persona che si lascia condizionare dalle battute d’arresto. “Ho questa cosa in testa, che non si tratta di competere. Non dovresti mai competere. Quando le persone sono sempre in competizione tra loro, la situazione diventa tossica. Non paragonarti a nessuno. Fai semplicemente del tuo meglio per essere te stesso.” Questo mantra spiega il motivo di così tanto successo. “Stai scrivendo la tua storia ed è l’unica cosa di cui dovresti preoccuparti davvero, non il viaggio che sta facendo qualcun altro.” Quindi, dove spera che il suo viaggio lo porti prossimamente? “Voglio provare a prendermi un po’ di tempo libero!”, ride. In aggiunta a ciò, si concentra sulla crescita della sua squadra all’Opheem: “Ci sono molti giovani chef nella mia squadra e voglio solo vederli crescere e fare cose incredibili. Sono così orgoglioso di loro. E poi, ovviamente, con Aktar at Home, il piano è quello di far crescere l’attività in modo che possa continuare a fare il più possibile per la comunità.” Questo è Aktar in tutto e per tutto: laborioso, benevolo, altruista. “Dico sempre che la mia ricchezza sono le persone che mi circondano. Non si tratta di cosa indossi al polso o altro. Non puoi portarlo con te, ma ciò che puoi lasciare dietro è un’eredità di persone che aggiungono valore al mondo.”

Author: Gaetano

Leave a Comment

PRENOTA ADESSO!